Atlante sonoro Podcast

Puntata 10 - Quando l’archivio è plurisecolare

Fondazione 1563 per l’Arte e la Cultura

L’evoluzione del ruolo delle donna negli ultimi cinque secoli di Storia, attraverso le carte dell’Archivio Storico della Compagnia di San Paolo: un percorso fatto di superamento di pregiudizi, ostacoli economici, sociali e formativi.

 

Le carte dell’Archivio Storico della Compagnia di San Paolo occupano più di due chilometri lineari di scaffalature, e rappresentano uno strumento fondamentale per ricostruire l’evoluzione del ruolo delle donne negli ultimi cinque secoli di Storia.

Un percorso che la Fondazione 1563 Per L’Arte e La Cultura della Compagnia di San Paolo, ente che custodisce e gestisce questo immenso patrimonio, ha delineato con precisione.

In principio le donne sono perlopiù “salvate” e assistite nelle condizioni difficili di povertà ed esclusione, ma tra Sei e Settecento diventano anche protagoniste di beneficenza, opere sociali e committenze artistiche. Tra le attività dell’antica Compagnia in evidenza ci sono l’Opera della Casa del Soccorso delle vergini fondata nel 1589, la Casa del Deposito (1683), la Casa delle Forzate (metà Settecento) e la Compagnia delle Umiliate e le Benefattrici (dal XVI secolo).

L’Ottocento vede emergere sempre più l’idea che anche alla donna spettino diritti politici e civili: nel 1853, quando l’amministrazione dell’Istituto passò alle Opere Pie di San Paolo, il Soccorso e il Deposito erano ormai veri e propri istituti educativi dedicati alle ragazze. Un anno dopo, nel 1893, l’Educatorio si trasferì dalla sede di via Maria Vittoria in Barriera di Francia, nell’attuale piazza Bernini. 

I documenti raccontano la storia dell'edificio e i percorsi educativi e sociali di maestre e allieve.

Nel Novecento infine le carte dell’Istituto di San Paolo di Torino testimoniano luci e ombre dell’inserimento delle donne nel mondo del lavoro bancario. 

 Introdotte all’inizio del secolo XX con ruoli precari e comprimari e in sostituzione degli uomini in guerra, le signorine della banca erano così chiamate poiché l’eventuale matrimonio ne determinava le dimissioni. Solo nel 1963 sarà approvata la legge che vieta il licenziamento delle lavoratrici per causa di matrimonio: un momento che chiude una storia sempre proiettata in avanti, verso il superamento da parte delle donne della Compagnia di pregiudizi, ostacoli economici, sociali e formativi.

 

Podcast: “Atlante Sonoro degli Archivi Italiani”

Serie: 10 voci di donne

Titolo: Quando l’archivio è plurisecolare

Archivio: Fondazione Compagnia San Paolo

Soggetto: L’evoluzione della figura femminile nella storia della Compagnia di San Paolo, dalla sua fondazione all’eta contemporanea.

Temi collegati: Lavoro, Storia, Educazione.

Editore: Archivissima

Testo e voce: Valentina De Poli

Produzione: Matteo Scandolin 

Sigla: Bonetti

Numero di catalogo: 0000010/2020

Riferimenti web: www.compagniadisanpaolo.it/

www.fondazione1563.it/la-compagnia-delle-donne.fondazione1563.it/ 

Archivissima / Compagnia di San Paolo

condividi su