Protagonisti

Scopri tutti gli autori che presenzieranno ad archivissima quest’anno e gli eventi collegati.

Architetto dell'informazione

Stefano Trinchero

Nasce a Vercelli, il suo primo romanzo è *la copia infedele *

Scrittore

Bruce Sterling

Scrittore

Mario Soldati

Mario Soldati nasce in via Ospedale 20 (oggi via Giolitti), a Torino, figlio di Umberto e Barbara Bargilli. Nel 1912 inizia gli studi all'Istituto Sociale dei Gesuiti, dove rimane fino alla terza liceo classico. La lezione dei Gesuiti è in questo momento molto importante per lui, ed è un fervente praticante (penserà anche di entrare nell'Ordine, salvo poi giungere a un modo molto personale e libero di concepire la fede conciliandola con la sua visione razionalistica, come trasparirà dalla sua produzione letteraria). Si diploma a diciassette anni e s'iscrive a Lettere all'università. La Torino degli anni venti è quella dell'intelligenza di Piero Gobetti, della pittura di Felice Casorati e del mecenatismo di Riccardo Gualino. Gli amici più cari sono Mario Bonfantini, Giacomo Debenedetti, Carlo Levi, Giacomo Noventa, Agostino Richelmy. Nel 1925 pubblica per il teatro il dramma Pilato. Nell'autunno 1927 si laurea in storia dell'arte con Lionello Venturi discutendo una tesi su Boccaccio Boccaccino (pubblicata nel 2009[1]), pittore rinascimentale, e cura il catalogo della Galleria civica d'arte moderna e contemporanea di Torino. Ottiene poi, con l'aiuto di Venturi, una borsa di studio della durata di tre anni presso l'Istituto d'Arte di Roma dove incontra Adolfo Venturi e Pietro Toesca. Nel 1929 vi è l'esordio come narratore, con il libro di racconti, Salmace che ha rappresentato, come ha ben notato Cesare Garboli, una delle prime esplorazioni narrative, del tutto nuove per l'Italia, della vasta terra dei sentimenti loschi[non chiaro]. All'inizio del terzo anno, l'offerta di una nuova borsa di studio lo induce a lasciare Roma e a partire per New York, dove insegna alla Columbia University. Dall'esperienza trarrà un libro autobiografico, America primo amore.

Isabel Allende

Isabel Allende, nata in Cile nel 1942, è sicuramente la scrittrice sudamericana più letta e amata di sempre. I suoi romanzi prendono spesso spunto da vicende autobiografiche, come il celebre “La casa degli spiriti”, da cui è stato anche tratto un film con Meryl Steep e Jeremy Iron. Altre sono dedicati al Sud America, alle vicende storiche che hanno visti protagonisti indigeni e conquistatori, alle storie di donne indimenticabili.

Simonetta Ulivieri

Simonetta Ulivieri è professoressa ordinaria di Pedagogia generale e sociale presso L'Università degli Studi di Firenze. I suoi studi sono rivolti prevalentemente alla Pedagogia di genere e della differenza, alla Pedagogia e alla Storia dell'infanzia. È presidente della Società Italiana di Pedagogia (SIPED) dal 2013 e ne dirige la rivista "Pedagogia Oggi".